Come vivere un’estate speciale dedicandoti agli altri

agape campi estivi

Arriva l’estate e – se vuoi – quest’anno puoi vivere un’estate speciale. Un tempo di svago. Ma anche un tempo per esperienze importanti.

Se non hai gli esami di maturità (altrimenti altro che svago…solo un attimo di spensieratezza partecipando all’apericena prima degli esami organizzato da IAMU), devi trovare qualcosa da fare… oltre al meritato riposo!

Puoi dedicarti a qualcosa di molto bello.

Si chiama volontariato.

Non sai cos’è?

Il volontariato è anzitutto attenzione alle persone. Si direbbe che nasce proprio provocato dalle persone, dalla constatazione che specialmente alcune persone, le più povere ed emarginate, non sono trattate da persone, cioè con dignità, con rispetto e vivono nell’umiliazione e nell’oblio

Questa frase è di un sacerdote che ha dedicato la vita all’attenzione agli ultimi.

Si chiamava don Italo Calabrò.

Era molto amato in particolare dai giovani, perché i giovani – si sa – vogliono essere coinvolti, a loro piace mettersi in gioco, “sporcarsi le mani” per costruire qualcosa. E don Italo li coinvolgeva in esperienze uniche.

Oggi è ancora possibile tutto questo?

La risposta è sì.

Anche quest’estate, infatti, il Centro Comunitario Agape di Reggio Calabria, la Piccola Opera Papa Giovanni e l’associazione Libera offrono ai giovani reggini la possibilità di vivere un’esperienza unica.

Unica davvero.

Partecipare ai campi di lavoro e formazione estivi, di sperimentare la gioia e la ricchezza dell’incontro con altri giovani, con persone con disabilità e con minori. Un’occasione per donare agli altri amicizia e compagnia ma anche per riceverne altrettanta.

I campi di volontariato sono un’occasione per coinvolgersi in maniera attiva nel mondo del volontariato.

Il famoso “darsi da fare”.

Perché l’estate non resti soltanto un momento di relax, ma sia anche utile, giocoso, divertente.

Per noi stessi e per gli altri.

Chi ha partecipato negli scorsi anni ha detto di essere tornato a casa cambiato. Più capace di guardare ai problemi del mondo, con attenzione, prendendosi cura.

Per partecipare ai campi di lavoro non è necessario avere competenze particolari, ma disponibilità a mettersi in relazione con gli altri, ad accogliere ed a farsi accogliere.

I campi si svolgeranno in beni confiscati alla mafia ed in centri di accoglienza, a Reggio, Melito P.Salvo, Cucullaro di Gambarie, in turni di una settimana, nei mesi di luglio e di agosto 2016.

Durante il campo, oltre al servizio, si svolgeranno incontri di formazione con esperti, operatori sociali, testimoni di giustizia e familiari di vittime di mafia e si parlerà anche del disagio, della disabilità e della legalità.

Pensi possa fare al caso tuo questa esperienza?

Chiama subito Melania (3295623579) o Francesco (3342647921) e ti diranno tutto quello che devi fare per partecipare.

Non lasciare passare molto tempo. Fallo subito, perché l’esperienza del volontariato renderà la tua estate davvero speciale.

Manca pochissimo per iscriversi, anche perché luglio è quasi alle porte.

Pensaci.