Ponte di Brooklyn: ultima tappa per chiudere in bellezza il nostro viaggio (e il nostro racconto su IAMU.it). Percorrendo il ponte salutiamo New York e ci accingiamo a tornare in hotel a fare il check out. Prendiamo un taxi (stavolta quello vero) e ci dirigiamo al JFK.

Il viaggio è stato eccezionale. Le nostre amicizie si sono rafforzate, abbiamo visitato posti meravigliosi e abbiamo scoperto un mondo nuovo! Siamo stati davvero bene!

Viaggiare apre la mente. Certo ti devi adeguare a ritmi diversi, fuso orario, modi di fare e di vivere. Poi qui in America è tutto diverso: per le distanze usano le miglia, per le larghezze i pollici, per le altezze i piedi, la temperatura è in gradi fahrenheit, l’unità di misura per i liquidi è il gallone. E poi la cosa peggiore per noi italiani è che ovunque si vada non c’è il bidet! Ma perché? È comodissimo!america19

Sta di fatto che è un’esperienza assolutamente da fare (per noi da rifare)! Se avete dei soldi, anche pochi, da parte spendeteli per viaggiare! Arricchirete il vostro bagaglio culturale! Alla prossima.

Grazie ai nostri amici (foto sotto) per aver raccontato questo viaggio. Condividi con IAMU.it il tuo viaggio, le tue esperienze, le tue idee: partecipa al blog! CLICCA QUI

 

america21america20