Mai rinunciare alla propria passione: questo è il consiglio di Natalia

Oggi ospitiamo una ragazza di 19 anni che ha superato il periodo buio della pandemia, senza mai rinunciare alla propria passione ma grazie ad essa.

Sono Natalia, ho 19 anni e sono una studentessa di Infermieristica al 1° anno.

La mia passione è sempre stata la danza, non posso farne a meno e il mio appello è mai rinunciare alla propria passione.

Tornare in sala sarà sicuramento strano ed emozionante, non ho mai passato così tanto tempo senza respirare l’odore della fatica dopo una lezione lunga, stancante, ma appagante.
In questo periodo ci siamo resi conto che le giornate ordinarie e normali sono allo stesso tempo straordinarie in confronto al periodo che ci ha tenuti fermi in casa, per cui tornare alla normalità sarà sicuramente una liberazione. Perché per me la danza è questo, è sentirmi libera e allo stesso tempo felice perché non mi sento sola. Ballare è anche stare insieme agli altri e trasmettere emozioni a chi ci sta attorno.

Ho bisogno di danzare, ho bisogno di riprovare quelle emozioni, di coltivare la mia passione.


In questo periodo ho imparato come affrontare la pandemia impiegando le mie giornate con serie tv, lettura, tanta musica ed allenamenti

Senza mai rinunciare alla danza, anche se tra le mura di casa non è come danzare in sala. Mai rinunciare alla propria passione.

Sicuramente lo studio è stato il protagonista di tutto. Studiare prima per la maturità adesso per l’università, mi ha aiutato e mi aiuta, ad impiegare il tempo, tempo di cui uno studente ha bisogno.

Fortunatamente ad aiutarmi in questo periodo c’è stata la mia famiglia. Ho capito l’importanza delle persone che mi stanno sempre accanto, i miei amici ed in particolare la mia migliore amica ha saputo in ogni momento di sconforto dire le parole giuste per riuscire a risollevarmi nei giorni in cui non vedevo più un’uscita.

Non trovo un senso a tutto questo nella mia vita, non mi sento particolarmente cambiata, ma penso che come tutti abbiamo capito che nella vita può succedere qualsiasi cosa,  che la vita è imprevedibile e va bene così perché solo superando i momenti bui ci godremo a pieno quelli belli.

Quando tutto sarà finito recupererò tutti i concerti persi e inizierò a viaggiare, guardando il mondo con occhi diversi.

Il mio primo obiettivo è finire l’università, anche se sono appena all’inizio e poi costruirò un passo alla volta il mio futuro, non so dove arriverò, ma sicuramente coglierò tutte le opportunità che mi si presenteranno davanti.

Alle persone che stanno leggendo dico che purtroppo non sono la persona più adatta a dare consigli sul come superare questo periodo perché in realtà mi sento molto fortunata.
Ma la cosa fondamentale per non sentirsi soli e per raggiungere i propri obiettivi è non mollare le proprie passioni!

Per questo mi sento di dare consigli su cosa fare dopo, quando tutto questo sarà finito.

Ognuno di noi dovrebbe seguire i suoi sogni, il suo cuore senza mai rinunciare alla propria passione. Se volete fare qualcosa fatela subito, non aspettate “domani” o il “momento giusto”.

Il momento giusto può non arrivare mai e il domani potrebbe non esserci. Esistono milioni di persone che hanno costruito la loro vita “facendo la cosa giusta” ed oggi si ritrovano infelici e insoddisfatte… a volte la cosa più sbagliata da fare è fare la cosa giusta.

Questa foto è stata scattata da Natalia uscita di casa alla fine del primo lockdown. Un’immagine significativa che ci restituisce un senso di libertà.

Giada Maria Priolo
Sono una studentessa di Comunicazione e Dams. Mi piace la pubblicità. Le mie passioni sono la fotografia, il cinema, i libri. Amo viaggiare e vedere opere d'arte. Sono dolce, ma anche puntigliosa, ci tengo a quello che faccio. Il mio motto: "Fai in modo che succeda".

Altro da leggere

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

I nostri canali social

10,750FansMi piace
12,350FollowerSegui
4,500FollowerSegui
3,190IscrittiIscriviti
spot_img

Da non perdere