È il momento di fare una sintesi perché… cari amici lettori… siamo arrivati a destinazione! Abbiamo completato il nostro viaggio IAMU con Avis a Palermo, sede dell’assemblea nazionale Avis.

Siamo stati accolti come si accoglie la nazionale dopo aver vinto i mondiali!

In realtà, siamo davvero orgogliosi di questa esperienza: ci ha aiutato a crescere nella consapevolezza dell’importanza di donare il sangue, ci ha fatti diventare un gruppo, ci ha fatti lavorare insieme per un progetto bellissimo di cui (siamo convinti) si parlerà anche in futuro.

Per IAMU è stata l’occasione di cimentarsi in una esperienza lavorativa on-the-road, la prima… chissà magari di una lunga serie!!!

Viaggiare con questi volontari Avis è stata un’esperienza fantastica.

Te l’abbiamo già raccontato in questo video-post della prima tappa, la partenza da Reggio Calabria, fino a Catanzaro e Roma e in quest’altro post che riguarda la seconda tappa, che ci ha condotti dritti dritti fino a Roma e Bologna. E il divertimento non è mancato nemmeno nella tappa di Ferrara dove abbiamo incontrato tanti amici avisini e in quella di Milano, all’Expo, dove abbiamo scoperto che c’erano tantissimi donatori Avis e dove abbiamo anche incontrato il presidente nazionale Saturni.

Anche a Firenze – dove ci hanno mandato i nostri follower – ci siamo sentiti come a casa e lo stesso vale per l’esperienza con l’Avis di Ragusa.

In questo video troverai un (piccolo) resoconto di cosa rimane del viaggio “IAMU con Avis” secondo il team che ha attraversato l’Italia.

A Marco è rimasta l’accoglienza delle varie Avis.

A Lucia la solidarietà.

A Lorenzo il mettersi in gioco da parte di tutti.

Tonino è rimasto colpito dalla generosità: «Quello che abbiamo ricevuto è molto di più di quello che abbiamo dato».

Per quanto mi riguarda è stato bello.

Ma forse bello è dire poco.

Molto bello 🙂