Quando ho conosciuto Marco e Davide mi son detto subito: questi due spaccano!

Ma non è solo un modo di dire trendy e giovanile… mi voglio spiegare per i lettori più esigenti: questi due spaccano davvero.

Cosa intendo?

Fermati un attimo a pensare: sono due ragazzi, hanno pensato a un accessorio tipicamente maschile – la cravatta – e lo hanno reso unico realizzandolo con il sughero.

Avete capito bene: il sughero, quello dei tappi in sughero per intenderci.

Un materiale che hanno reso malleabile e messo al collo (facendo pure il nodo).

Con quel tocco di originalità che nella moda ti rende davvero speciale.

E loro sono molto speciali.

Punto primo: GIOVANI e VOLENTEROSI.

Pensa che li ho conosciuti durante un evento (la fiera delle start-up di Reggio Calabria, dai un’occhiata qui per vedere di cosa si tratta).

Ho realizzato questa video intervista in cinque W… Marco e Davide avevano rispettivamente 17 e 25 anni. Entrambi studenti, Davide addirittura frequentava ancora il liceo.

Non c’era solo il prodotto però a colpire e stupire.

C’era la voglia di emergere e la passione per ciò che facevano: ti ho raccontato in questo post di quanto sia determinante la passione e il darsi da fare giornalmente per ottenere grandi risultati!

Passione per la moda e buongusto nel vestire. Ecco come due giovani hanno dato vita a una produzione artigianale di accessori con materiali particolarissimi.

La loro cravatta in sughero l’ho anche indossata, mi hanno fatto proprio un fantastico regalo

Mi ha consentito di stupire tutti durante una presentazione di IAMU davanti a una platea di 100 persone, che mi guardavano meravigliate.

Non avevamo mai visto nulla del genere (ma IAMU o la cravatta in sughero?) 🙂

Marco e Davide adesso sono pronti al mercato estero, portando in alto la bandiera della moda italiana, del made in Italy, delle idee che funzionano.

Ma soprattutto la grande dedizione al lavoro che è il vero grande requisito per ottenere il successo e guadagnare soldi! Anche per noi è stato così, per nulla facile ma un percorso assai affascinante (LEGGI QUI la nostra esperienza).

Ecco l’intervista.